giovedì 18 marzo 2010

Assenteismi e doppi incarichi



 



Magno, al comizio di questa sera in piazza, ha promesso che se verrà eletto farà il sindaco a tempo pieno.
E Federico come gestirà il ruolo di preside e di Sindaco?

5 commenti:

  1. Un Sindaco sempre presente è sicuramente l'ideale, ma non si può pretendere che si rinunci alla professione, se la residenza di questa coincide col comune; credo che con la buona volontà e l'impegno si possono ricoprire entrambi gli incarichi anche in considerazione che i "direttori" hanno, in genere, buoni collaboratori.

    RispondiElimina
  2. ceglieterrestre19 marzo 2010 05:35


     

    Immagine di franca bassi "San Giuse'"Pe'gli amichi,a tutti i padri e a  i Giuseppe.Auguri!

    San Giuse'

    Tuttiquanti li regazzini de rione "Trionfale"
    er giorno de corzo(festa) der Santo Patrono
    giocàveno a nisconnarèlla
    addiètro a li banchétti
    pe le rue (vie) de rione.
    Attènta de pijà ar volo 'na ciammèlla(frittella)
    calla conciabbocca (zuccherata).
    Pe' tutto er rione  fino a notte fonna
    c'era 'n' odore e na nebbia d' ojo de frittarèllo
    e l'odorà bono de ciammèlle.
    Li  frittellari  sembraveno giochojeri
    co' er fòngo bianco su la capa
    'na parannanza impataccata
    co' li  bastoni drénto quer pentolone
    sverti  co' granne maestria
    giraveno giraveno le  sore ciammèlle
    e tutti in coro cantaveno:
    "Ciammèlle...magnate 'ste ciammèlle bone!"
    sembraveno fattucchieri che uscìveno
    da drénto 'na nuvolata d'ojo  frittarèllo
    co' 'sti bastoncini appuntiti
    svérti t'infilàveno 'ste pore cimmèlle
    un tuffo drénto 'na cartata
    de zucchero nòtaveno
    pronte pe' esse magnate
    da un branco affamato de regazzini.
    Era  bella la  festa der Santo Patrono!
    Noi regazzini la chiamavamo la festa de:
    "San Giuseppe er frittellaro"
    sverti co' li sordi su le  mano p'acchiappà
    l'urtima ciammèlla calla e profumata.

    franca bassi

    Ciao Pino, se po fa', da 'na parte ce sta', dall'altra la su ombra lo sostituisce.Tantissimi auguri un grande abbraccio

    RispondiElimina

  3. Mi sembra davvero strano che si voglia  spostare l'attenzione della scelta di un Sindaco sul tempo che vorrà dedicare alla carica istituzionale.
    Sono convinto che le cariche istituzionali, almeno quelle di un certo livello non possono diventare esclusive.
    Credo che una persona possa fare bene il Sindaco di Ceglie pur continuando a fare il suo lavoro.
    Non ho mai creduto ai "professionisti" della politica .
    L'impegno politico -amministrativo deve essere un contributo temporaneo che ognuno di noi può dare alla collettività.
    Il giudizio deve invece essere dato sul quello che ognuno fa quotidianamente.

    Rocco Argentiero

    RispondiElimina
  4. Rocco, me ne guarderei bene dall'affidare il mio voto soltanto a chi dedica più tempo alla carica di Sindaco. Che si possa svolgere bene la propria carica istituzionale pur non abbandonando quella precedente ne sono convinto.
    Il problema sta nel fatto che si continui a svolgere l'attività precedente a tempo pieno e quella di Sindaco nei piccoli ritagli di tempo.
    Credo che sia un messaggio importante per chi vorrebbe gestire due lavori a proprio piacimento ma non ne può avere nemmeno uno per sopravvivere.
    Sempre con stima,
    Pino

    RispondiElimina
  5. Voglio porgere un saluto ed un grazie a Franca Bassi per il simpatico contributo alla festa " de' li papa' ".
    Comprendo le passioni politiche che animano questa fase pre-elettorale, ma trovo più bello il celebrare in qualche modo questa sentita ricorrenza che appartiene "affettuosamente" alle nostre tradizioni.
    Per il resto... speriamo che non vinca il peggiore!

    RispondiElimina