martedì 31 marzo 2009

La mia primavera






Colori elargiscono


balconi vanitosi


quando festosi mandorli


indossano candore.


Distese variopinte


e fragranze delicate


leniscono


i miei grigiori.


Da "Rossi di oleandro" di Pino Santoro


domenica 29 marzo 2009

Chiesa di San Gioacchino


Morte di San Giuseppe (composizione statuaria)



Discesa di Cristo nel Purgatorio (composizione statuaria)



Dalla "Divina Commedia"


traduzione cegliese di Pino Santoro




43Nu dulore granne mi pigghjò o core quann'u sendive,


I ccè crestiane de grossu valore


canuscive ca jind'ò limbe stavene cull'aspettative.




46“ Dimme, uè mestru mije, dimme, segnore”


accuminzieve ji pi vulundà jete certe


da queda fete ca venge agne arrore:




49“jassì maje angunune, o pi suve merte


o pi l'ate, ca po devendò viate?”


I quide, ca ‘ntise u parlà mije cuverte,




52respunnì “ji ere nueve jind'a stu state,


quann vedive vinì nu putende


cu signe de vittorije angurunate.


 


55jassì l’ombre du prime parende,


d’Abbèle figghju suve i queda de Noè,


de Musè leggiste i ubbidiende;


 


58Abbrame patriarche i David'u re,


Israel cu attane i cu le suve nate


i cu Rachele, pi queda ca fesce assè;


 


61i jate assè i le fesce viate;


ji vògghje cu ssè ca, annanze a jisse


spirde crestiane maje erene sarvate”.




Testo originale


43Gran duol mi prese al cor quando lo ‘ntesi,


però che gente di molto valore


conobbi che ‘n quel limbo eran sospesi.




46“ Dimmi, maestro mio, dimmi, segnore”


comincià io per volere esser certo


da quella fede che vince ogne errore:


 


49“uscicci mai alcuno, o per suo merto


o per altrui, che poi fosse beato ?”


E quei, che ‘ntese il mio parlar coverto,




52rispuose “Io era nuovo in questo stato,


quando ci vidi venire un possente


con segno di vittoria coronato.


 


55Trasseci l’ombra del primo parente,


d’Abèl suo figlio e quella di Noè,


di Moisè legista e ubidente;


 


58Abraàm patriarca e David re,


Israel con lo padre e cò suoi nati


E con Rachele, per cui tanto fè;


 


61e altri molti e feceli beati;


e vò che sappi che, dinanzi ad essi


spiriti umani non eran salvati”.


giovedì 12 marzo 2009

Ceglie con romanticismo


Scorcio del Centro Storico di Ceglie Messapica
Pastelli su cartoncino nero 30/40 di  Pino Santoro (2004)

mercoledì 11 marzo 2009

Fort Internet sotto attacco



Ci stavano provando con il governo Prodi, ora sotto il governo Berlusconi con una proposta di legge dell'onorevole Carlucci. Finché non ci sarà una classe dirigente e una vera opposizione convinta che la libertà di espressione è un diritto sacrosanto sancito dalla Costituzione, gli attacchi a "Forte Internet" ci saranno finché non verrà espugnato.

venerdì 6 marzo 2009

Novità su Enrico Fermi rivelate da Berlusconi

Creava energia nucleare dalla scomposizione di cellule!!!


"...il nucleare è la fonte più pulita di enegia che ci sia al momento ... noi siamo indietro pur essendo la patria di Enrico Fermi creatore della possibilità di creare, dalla scomposizione di cellule, energia nucleare.."




Chissà se si trattava di cellule totipotenti o specializzate e se già allora c'era il problema morale sulle cellule staminali.



In un piccolo territorio come quello di Brindisi, dopo un Petrolchimico, sotto i fumi della vicina Ilva di Taranto, una centrale a carbone e i progetti di un inceneritore e un rigasificatore, ci vuole finalmente una centrale ad energia pulita come quella nucleare.


E noi saremmo quelli che sanno dire soltanto di no
!!!