sabato 2 gennaio 2010

Staser' Cungett a cadì jind'ò teatr' di cegghje


L'attesa del teatro


nella sala vuota

5 commenti:

  1. Queda strate: so ggià nove sere
    ca voche i cca veggne; u varcone
    reste agghjuse; me ferme ò lambiere
    nu picche, po torne ; ò candone
    n’ata vote me ferme: u penziere
    me cosce. A’ capite a raggione.
    Ji camiggne cu passe leggere,
    c’u core ca rite i pperdone
    quisse cose a iddu stesse. Ma i vvere
    c’a cape sto pperde. Fa a bbone.
    Dà na lusce, na vosce; a a nuvere
    d’amore respuenne c’u done.

    Da “Nu viecchju diarie d’amore” di Pietro Gatti


    RispondiElimina
  2. L'attore che reciterà le poesie di Pietro Gatti è un laureando cegliese in archeologia.
    Ovvero due generazioni che si incontrano. 

    RispondiElimina
  3. ceglieterrestre2 gennaio 2010 10:37




                                    

                                  Il vernacolo, Il suo spirito sarà con tutti voi


                 

    Sono contenta per tutti,meritate un grande successo! "In bocca al lupo!!!"

                 

    RispondiElimina
  4. Speriamo che non si faccia male. Sarà comunque un successone, bravi a tutti.
    Damiano Leo

    RispondiElimina
  5. Bravi!!! Sono contento che tutto è andato per il meglio.

    RispondiElimina