venerdì 27 aprile 2007

Madonna della Grotta è nostra!

Con piacere ripubblico il titolo di un post di questo blog scritto in occasione della manifestazione di protesta prevista per il 23 aprile scorso. La protesta rientrò poichè ci fu la disponibilità dei proprietari alla realizzazione del programma organizzato da Speleocem. Ora quel titolo, diventato lo slogan nella raccolta di firme, è un'affermazione e il punto di partenza di un programma di fruizione di ciò che appartiene alla comunità.

18 commenti:

  1. sono contenta ,gisan.

    RispondiElimina
  2. Il primo Maggio parte alla grande la raccolta firme alla villa Cento Pini. venite in tanti!

    RispondiElimina
  3. scusa,

    perchè non organizzate -firme- tramite il web?

    Chi non è in loco, come fa a firmare?

    che ne dici?

    RispondiElimina
  4. Ciao Luellel

    stiamo già pensando ad una raccolta di firme sul web. Il 1° Maggio è la partenza di questa iniziativa che continuerà per un pò di tempo. La tappa è 10.000 firme.

    RispondiElimina
  5. proverò a contattare Italia Nostra. la sede più vicina è ad Ostuni. Ceglie ne avrebbe un gran bisogno, non solo per la Madonna della grotta...

    RispondiElimina
  6. è vero che Speleocem non partecipa?

    RispondiElimina
  7. Purtroppo ha declinato.

    RispondiElimina
  8. spiace dirlo ma Ceglie si spreca

    RispondiElimina
  9. In che mani stiamo.

    RispondiElimina
  10. sarebbe interessante indire una petizione per fare in modo che questa estate il castello possa essere visitato almeno due volte alla settimana, in modo tale da poter incrementare il turismo

    RispondiElimina
  11. Speleocem, non partecipa alla raccolta firme. Non siamo favorevoli a questo per il momento. Saremmo stati felici a partecipare questa campagna se non avessimo avuto la possibilità di accedervi, ma siccome l'altra parte della proprietà è propensa a collaborare alle nostre iniziative (per fortuna) perchè metterci contro alla loro volontà? perchè tradire la loro disponibilità. Fare una raccolta di firme perchè, per cosa se simo liberi da ogni organizzazione? uniamo le nostre forze per cercare di fare qualcosa per risanare la struttura, che è più importante, e le nostre mani saranno pronte per operare in tal senso, il resto ci sembra banale. Grazie della vostra collaborazione, grazie di cuore, e speriamo nella vostra compagnia e manforte!!!

    RispondiElimina
  12. speleocem è pronta a combattere per cose costruttive, la raccolta di firme è distruttiva, poichè il nostro amico T.( in rapporti stretti con i proprietari buoni) è pronto a partecipare alle attività future della speleocem, infatti ogni fine settimana si celebrerà una santa messa alla MADONNA DELLA GROTTA! Sembra poco? Per noi è una grande traguardo....Dopo anni di parole scritte e dette, dopo anni di attività di rilevamento sul territorio e oltre, la raccolta dei prodotti seminati, sono in fioritura. Siete tutti invitati... grazie.

    Vito Amico/speleocem

    RispondiElimina
  13. se qualcuno mi spiega meglio cosa c'è di distruttivo in un'iniziativa che tende ad evidenziare uno stato di abbandono; ed i proprietari cosa devono temere se eventualmente più avanti (ora siamo proprio a meno che ai prodromi) arriva un finanziamento pubblico conservativo della struttura? Mica stiamo agendo per un esproprio. Comunque ognuno agisce secondo i propri interessi e le proprie convinzioni, credo.

    RispondiElimina
  14. A me dispiace dell'assenza di Speleocem nella raccolta. Con Vito ho chiarito che la nostra intenzione non è di scontro con i proprietari o con le istituzioni. Con le firme noi vogliamo portare l'interesse di istituzioni e sovrintendenza verso un bene che è in serio degrado. La possibilità di far confluire fondi, anche pubblici, è fattibile. Perchè non provarci. La raccolta di firme dà più forza a queste richieste.

    RispondiElimina
  15. caro pino hai tutta la mia solidarietà quando affermi lo stato di degrado e di abbandono in cui versano siti come madonna della grotta e la cripta di san michele...

    con questo mio intervento vorrei far notare anche altre opere minori (almeno per grandezza) che sono ormai distrutte dall'incuria tipo gli affreschi posti sotto gli archi del monterrone e di via paolo chirulli, come anche la maggiorparte delle cappelle votive che si trovano sparse nelle campagne o lo sfacelo fatto alle stazione di sosta della via crucis e tante altre cose che ormai il tempo e la non curanza ce li ha fatto passare nel dimenticatoio...

    RispondiElimina
  16. biondidomenico4 maggio 2007 00:37

    Si va avanti. Nessun problema. Ceglie lo vuole. E' un argomento che ta toccando la sensibilità di tutti. Speleocem... forse è meglio se vanno a rivedere la figura che hanno fatto nel programma "Sereno variabile". Entrare di soppiatto in una PROPRIETA' PRIVATA e con quali autorizzazioni? Mio riferisco alla cripta di San Michele. Proprio loro parlano? Non è comunque vero che la Madonna della Grotta sia accessibile. E' accessibile solo la parte sottostante E DEVE ESSERE RECUPERATA! Non è accessibile tutto il piano terra CHE DEVE ESSERE RESTITUITA ALLA COMUNITA'. Noi andiamo avanti fermamente convinti. Grazie ancora per le tante sottoscrizioni che arrivano in continuazione.

    RispondiElimina