mercoledì 21 aprile 2010

Autori in Fabbrica


"Ho portato questi due miei libri di poesie con l'augurio che diventino i primi di una lunga serie di donazioni per la realizzazione di una biblioteca nella Fabbrica di Nichi".
Furono queste le parole che dissi ai presenti nel locale, destinato alla promozione della candidatura di Vendola a presidente della Regione, ed arricchito, per l'occasione, con l'esposizione in vetrina di alcune mie sculture.
L'idea fu apprezzata e, dopo gli impegni elettorali, ci siamo organizzati per proporre a diversi autori cegliesi di donare le proprie opere per allestire la nascente biblioteca. Le adesioni sono state diverse, alcuni si sono presentati spontaneamente, tutti hanno aderito con entusiasmo, altri sicuramente aderiranno in questi giorni.
Gli autori sono certamente di alto livello: Rita Santoro Mastantuono, Vincenzo Gasparro, Isidoro Conte, Angelo Leo, Pietro Palmisano, Franca Bassi, Antonio Conserva, Pino Santoro, Paolo Maria Urso, Gaetano Scatigna Minghetti, Gianfranco Sportelli, Mimmo Palmisano, Maria Antonietta Epifani, Aldo Caliandro.
Questa è la prima di una lunga serie di progetti culturali da realizzare a breve.

In occasione della Giornata Mondiale del libro, inserita nella Settimana della Cultura, la Fabbrica di Nichi di Ceglie Messapica, inaugura la propria biblioteca con l’esposizione al pubblico di buona parte delle opere degli autori cegliesi.

Vi aspettiamo numerosi Il 23 Aprile prossimo alle ore 18.00.

7 commenti:


  1. ma D.L. non c'è nell'elenco ,come mai?

    RispondiElimina
  2. Ottima iniziativa, la cultura avvicina le anime, quando poi si tratta di cultura locale si può parlare di cemento per una comunità più solidale.

    RispondiElimina
  3. autori di alto livello?
    e qual è di grazia il tuo misuratore?

    RispondiElimina
  4. Caro Maestro, io spero che con il tuo aiuto, e con quello di tutti  coloro che ne avranno voglia, questo piccolo seme si trasformi in qualcosa che affonda le radici nella profondità della nostra bellissima terra rossa, affinchè la nostra amata Ceglie possa coglierne i meravigliosi frutti.

    RispondiElimina
  5. #1 prova a chiedere a D.L. io no ho la risposta.
    #3 Qual è il tuo di misuratore?  l'insofferenza per tutti quelli che non cadono nella propria cerchia di interessi e di amicizia?

    RispondiElimina
  6. Bravo Pino per il tuo commento #5 Aggiungi anche qualche punta di invidia

    RispondiElimina
  7. ceglieterrestre27 aprile 2010 06:06

    Grazie Pino, lo so che non sono di gande livello! Cercherò con l'aiuto degli amici di migliorare.Conosco benissimo i miei limiti.Se continuo a camminare in questa strada è solo per far conoscere Ceglie. Un caro saluto a tutti

    RispondiElimina