lunedì 19 ottobre 2009

Pietro Gatti prima parte

Quand'ardichela pacce ste i ggrameggne!
None surene none cemunere.
Aqquà ste a morte:
ssettute sobb'a scale de l'arrosce
a ttremende le uecchje scambaggnate
a nniende zitte.
I tutte atturne a se scattà de rresiate
ca bballene i cca zùmbene: pagliacce
tutt'ambriache: sbandasme ca se crètene
da cambià, d'accussì. Quesse ete a vite
a sole a vere. Quessa lore.
Aqquà jessene ggne ssere
a'mbile le Mestere a ppurgessione
nesciune grete, senz'a nnu lambière,
nessciune ca le porte, vone a sule.
Greta grete a Madonne tott'a ggnure,...




Leggi tutto

4 commenti:

  1. Sai se questa poesia farà parte dell'Opera Omnia?

    RispondiElimina
  2. Probabilmente no, Angelo. Mi informerò meglio.

    RispondiElimina
  3. Grazie di cuore all'amico Pino per la sua grande disponibilità ed amicizia, grazie alla Signora Mimma che quel giorno mi fece conoscere il Padre e che oggi concede questo grande onore a quest'angolo di web.

    RispondiElimina
  4. ceglieterrestre19 ottobre 2009 11:57

    Ciao Pino avevo lasciato un commento, forse si è smarrito.Un caro saluto a tutti

    RispondiElimina