martedì 20 ottobre 2009

Pietro Gatti inedito terza parte

...Cegghje paise andic'andiche senze
manghe nu 'nziddu sule d'acqua sande
d'a storie a nnu vatteseme de sere
a lla scunnute sott'o faccertone
nu nome qua sia sije quessa chjofe
de lacreme i dde sanghe ind'u recuerde
vivu vive de stu peccinnu vecchje
tanda vecchje na vita sane quanne
quessa chjofe jasscuate i ttoste come
a mmazzacane jere totta 'ndriche
nu papamusce de rapudde jarse
de fafe i ggrane ca nange avastave
manghe nu ggnutte amare pe ggne ggiurne
quanne sta fama granne malatie
de tutte i nna ssanave maje stave
a nemiche a lla coste sembe a mane...

Leggi tutto

4 commenti:

  1. "A luscecchje vo cunzate aggne mmatine."

    Pietro Gatti

    RispondiElimina
  2. Grazie Pino! Per aver condotto in porto una nave straordinaria.

    RispondiElimina
  3. ceglieterrestre22 ottobre 2009 05:41


    Immagine di franca


    Grazie Pino. Bellissimo il manoscritto. Il post di oggi l'ho dedicato a Pietro Gatti. Mi piacerebbe inserire il manoscritto lo puoi fare tu? Sempre se lo desideri, il post sarebbe più completo e più compreso da chi non conosce il poeta.Grazie e felice giornata

    RispondiElimina
  4. Fatto Franca. Ora Pietro Gatti è anche sul tuo blog

    RispondiElimina