venerdì 16 ottobre 2009

Ombre sulla città




Che molti comportamenti dei politici siano, troppo spesso, incomprensibili a noi comuni mortali  è un dato inconfutabile.  Che, sempre in quegli ambienti, non facciano grandi sforzi per renderli chiari è un altro dato.
Spero che tra un litigio e l'altro i nostri amministratori trovino il tempo di chiarire quello che è successo in questi giorni.
E' un loro dovere nei confronti della cittadinanza e, perché no, soprattutto nei confronti di chi ha dato loro la fiducia e la possibilità di sedere su quelle poltrone. Forse dovrebbero chiedersi se chi li ha votati si senta defraudato e per nulla rispettato da questi comportamenti litigiosi e dalla mancanza di chiarimenti.

Io proporrei che un incontro chiarificatore con la cittadinanza venisse realizzato in quell'atrio comunale negato all'opposizione che aveva da dire la sua su alcune scelte, condivisibili o meno, ma molto importanti per Ceglie.


La trasparenza del Palazzo di Città, con il buio, non ha alcuna utilità.  

10 commenti:

  1. Bene se Ceglie ha di nuovo la Giunta, ma si vorrebbe sapere a cosa o a chi è servito il togliere e poi, dopo quindici giorni, rimettere gli stessi assessori. E' questo che la gente comune non comprende o non accetta. Ad una spiegazione i cittadini avrebbero diritto ora, a conclusione di questa crisi incomprensibile. L'opposizione fa il suo mestiere da che mondo è mondo e lo fa a modo suo nel bene e nel male. Non deviamo il discorso da quella che è stata la mia richiesta principale: chiarire alla città un comportamento incomprensibile ai più. Non basta averli rimessi a posto per aver riaggiustato le cose, anzi diventano ancora più confuse.

    RispondiElimina
  2. Pino non ti sembra di essere ingiusto nei confronti di quella parte politica di cui  in fondo sei un simpatizzante?
    Una sbandata è concessa a tutti.

    RispondiElimina
  3. Caro anonimo (sai quanto mi sono cari gli anonimi senza un volto da abbinare) sarò anche un simpatizzante, ma senza paraocchi ed esercito il diritto di critica come in tutte le sane democrazie. Se vedi i post precedenti queste critiche non sono a senso unico, quindi non mi si può accusare di dietrologie. Ho creduto finora ad una parte seguendo più gli ideali che le persone che li incarnano, nonostante tutto...
    Nonostante i tanti "ni", i tanti "no" di cui ho parlato in altri post. Nonostante aconciatori di sivigliana memoria che si improvvisano critici d'arte a tempo perso per denigrare.
    Questi, assuefatti ad un unico odore pensano che non ne esistano altri.
    Se qualcuno pensa che con questo comportamento cerco gli spazi che mi mancano stia tranquillo: penso di aver dimostrato di trovarne a sufficienza per il mio bisogno.

    RispondiElimina
  4. Nel prossimo consiglio comunale, avranno occasione per spiegare, o no?

    RispondiElimina
  5. MA SE NON HANNO MAI SPIEGATO NULLA, MA SE NON VOGLIONO LE RIPRESE DEL CONSIGLIO, MA SE HANNO PERSO UNA CAUSA PER AVERE NEGATO LA VISIONE DEGLI ATTI, MA SE SONO TUTTI MUTI VUOL DIRE CHE NON HANNO ARGOMENTI. FOSSI STATO IL sINDACO AVREI SCELTO IL RITORNO A CASA INVECE DI QUESTA AGONIA.

    RispondiElimina
  6. un post ...ad orologeria che farà onore al blog dedicato a Pietro Gatti, ringrazio fin d'ora  per l'onore ricevuto, un'emozione grande per me, grazie!

    RispondiElimina
  7. # 6 loro hanno perso la causa incidentale per aver negato la visione degli atti, però voi avete perso davanti al Tar LA CAUSA PRINCIPALE per la quale avevate chiesto la visione degli atti. fossi stato al posto di voi dell'opposizione mi sarei dimesso e avrei chiesto le dimissioni in blocco tutti i consiglieri dopo quella figuraccia
    g.g.

    RispondiElimina
  8. A proposito di litigiosità.
    Tra due litiganti Ceglie gode.

    RispondiElimina
  9. IlConciliatore18 ottobre 2009 12:57

    I comportamenti dei politici appaiono incomprensibili ai comuni mortali perchè non si conoscono le VERE ragioni che ne sono alla base; per esempio, a Ceglie (come a livello nazionale)  è in corso un “confronto” (chiamiamolo così …. ) tra le varie anime del PD. Se consideri che gli assessori che sono rimasti  “a terra” sono  in quota a Pierino Mita vuol dire che ......





    RispondiElimina