mercoledì 26 marzo 2008

Mi sorge un dubbio


Se il piano regolatore prevede l'espansione a sud-est della città, come saranno tutelati i beni archeologici (o quel che ne rimane), in quella zona, dall'invasione del cemento?
Mi auguro che la risposta non sia ovvia, considerando tante altre scelte, più o meno scellerate, del passato prossimo e remoto.



Paretone messapico


paretone e camminamento messapico

6 commenti:

  1. biondidomenico26 marzo 2008 16:04

    Ho percorso un po' la nostra campagna come se fosse una "caccia al tesoro" tentando di rintracciare i segni dal cielo.

    Mi spiego meglio, sull'aerofotogrammetria è evidente lo sviluppo delle varie cerchie del paretone nonchè la dislocazione delle Specchie.


    I riscontri ottenuti per me sono stati sconvolgenti.


    Il problema è: ma questa giunta splendida è o ci fa?


    Un tesoro archeologico abbandonato a se stesso, depredato. Una gestione del territorio allo sbando.


    Ma cosa abbiamo fatto per meritarci questi Amministratori?

    RispondiElimina
  2. specchia, specchia delle mie brame...

    RispondiElimina
  3. Bellissimo il restyling^^

    Un abbraccio :))

    RispondiElimina
  4. Carissimo Pino, affinità elettive? Il recupero della memoria archeologica del territorio cegliese ha bisogno di una fortissima campagna di sensibilizzazione... Forse è giunta l'ora di alzare un po' la voce...

    RispondiElimina
  5. Succede spesso Andrea tra chi ha a cuore la memoria e le proprie radici.

    Mercoledì sera ho scritto questo post e giovedì ho letto che la Sovrintendenza ha bloccato il Pug perché: "Non è stata riportata sull'elaborato l'area di necropoli lungo la circumvallazione S-E, di proprietà comunale e non si è assolutamente tenuto conto della realtà archeologica del centro urbano," come riporta Domenico su Piazzaplebiscito. Almeno si è allungata la vita ai nostri beni archeologici.

    RispondiElimina
  6. ceglieterrestre28 marzo 2008 15:51

    Ciao amici ho scritto parecchi post e commenti su Ceglie, tanti credevano che ero Pugliese, credetemi dobbiamo lottare, ma tanto, se desideriamo salvare ancora le radici nobili della vostra storia.

    RispondiElimina