domenica 9 marzo 2008

Evoluzione dello stemma araldico


Stemma attuale di Ceglie Messapica




Fin dall’antichità la torre è stata il simbolo della città, infatti, lo stemma araldico antico (1100-1800) di Ceglie è “un castello aperto con sopra tre torri aperte”; con la abolizione della feudalità comparve una “torre aperta con sopra tre merli e su quello centrale un’aquila imperiale a volo spiegato con testa rivolta a sinistra” .; nel 1864, fu adottato uno stemma araldico rappresentante un guerriero messapico. L’emblema in questione lo si trova stampigliato, sul basamento dei pali di illuminazione in Piazza Plebiscito, lo si può ritrovare anche nella rampa delle scale d’ingresso della vecchia Questura di Brindisi, ora uffici Amministrativi della Prefettura – Piazza Dante. Sui muri di quelle scale sono riprodotti tutti gli stemmi araldici dei venti comuni componenti la provincia di Brindisi, istituita il 7 gennaio 1927.


Il 6 marzo 1953, infine, con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri fu assegnato l’attuale blasone: “torre aperta con sopra tre merli”, il quale, tra l’altro risulta anche errato. La merlatura in argomento è del tipo ghibellino, profilo superiore intaccato a coda di rondine, ovvero a “V”, doveva essere, invece, del tipo guelfo, profilo superiore rettilineo. Guardare la torre per rendersene conto.


Il Gonfalone fu assegnato con DPR il 24 marzo 1981. Con DPR n°4136 in data 13 settembre 1988, infine, Ceglie Messapica fu autorizzata a fregiarsi del titolo di CITTA’.


Su quella torre, nel 1874, fu riportato un punto trigonometrico con le coordinate geografiche di quel sito : 40° 38’ 43” lat. Nord. - 17° 31’ 00” long. Est, le quali non sono altro che le coordinate della nostra Città.


Da "Storia di Ceglie Messapica" di Pasquale Elia

7 commenti:

  1. interessante e curioso :o)

    RispondiElimina
  2. ceglieterrestre11 marzo 2008 11:59

    Lo stemma di Ceglie e molto bello, il portone è aperto, ma la torre del castello è sempre chiusa.

    Anche lo stemma di Civita di Bagnoregio, ha una torre, un drago,e una corona, controlla su quei libri che ti ho lasciato.

    Anche quello di Civita ha una bella storia, leggi perchè c'è il drago è ineressante. Un caro saluto a tutti franca

    Possono essere gemelli anche con lo stemma

    RispondiElimina
  3. Franca mi ha rubato la battuta: il portone della torre dello stemma è aperto mentre quello del nostro castello è chiuso ed in attesa di risistemazioni.

    Nà fatia nà......

    RispondiElimina
  4. Il portone aperto come segno di ospitalità. Bisogna trasformare la teoria in pratica.

    RispondiElimina
  5. Caro Pino mi sa che è proprio questo il problema: in teoria tutto è fattibile, in pratica.... sappiamo bene com'è. Purtroppo. Sarà interessante questo libro... mi piacerebbe leggerlo.

    Buona giornata e un grossissimo abbraccio^^

    RispondiElimina
  6. Ciao Romina, il libro lo puoi leggere in rete all'indirizzo: http://www.ideanews.it/ alla voce "Storia di Ceglie di P. Elia"

    RispondiElimina
  7. ceglieterrestre14 marzo 2008 00:54

    Una buona giornata a tutti, sono fiduciosa prima o poi questo portone si aprirà. Un sorriso per voi grandissimo di buon augurio.


    RispondiElimina