sabato 16 febbraio 2008

Primavera alle porte







Sguardo verso il cielo



10 commenti:

  1. Orme di ricordi...

    RispondiElimina
  2. ceglieterrestre16 febbraio 2008 23:08

    Grazie per i mandorli in fiore, se restavo ancora un attimo, vedevo fiorire i miei alberi. Buona domenica a tutti.Franca

    RispondiElimina
  3. Tutto fiorisce senza tener conto più del calendario, anche se poi i repentini cambiamenti di temperatura e quindi il continuo mutare del clima finisce per far impazzire la natura con enormi conseguenze di chi in queste zone vive e sopravivve attaverso la natura, e sopratutto attraverso i raccolti.

    RispondiElimina
  4. Infatti, ieri e oggi, il freddo invernale con la comparsa di qualche fiocco di neve, preoccupa chi conta sui prodotti della propria campagna per integrare l'economia famigliare.

    RispondiElimina
  5. ceglieterrestre19 febbraio 2008 08:15

    Un saluto bacioni franca

    RispondiElimina
  6. eh si a forza di giocare con la terra e a forza di maltrattamenti verso la natura non ci siamo resi conto che il giocattolo è ormai rotto e ci stiamo piangendo addosso come i bambini che sbattono a terra i propri giochi....!

    il correre ai ripari cercando di limitare le azioni inquinanti senza colpire una o l'altra lobby non è certo la strada giusta... si dovrebbe rivoluzionare tutto il credo consumistico della vita moderna e ritornare alle origini... mi rendo conto che è una cosa molto difficile ed il rinunciare a delle comodità lo è ancora di più...

    ciao Pino...

    RispondiElimina
  7. Adoro il mandorlo in fiore... mi ricorda tanto la mia terra....

    Un abbraccio^^



    Romina

    RispondiElimina
  8. Sono stupendi quelli della valle di Agrigento se non erro, Romina.

    Un abbraccio anche a te.

    RispondiElimina
  9. "Sguardo verso il cielo", un bellissimo brano...Accidenti ha quasi 40 anni!

    Qui la primavera non è ancora nell'aria. Oggi in macchina -2...Per ora accontentiamoci delle immagini.

    Ciao

    RispondiElimina
  10. Bel gruppo Le Orme. Era tria quelli italiani da me preferiti.

    RispondiElimina