lunedì 11 agosto 2008

Dati tecnici sulla zappa martinese


Informazioni per neofiti:
La martinese viene considerata, a pieno titolo, la Ferrari delle zappe.
Si possono raggiungere velocità di zappatura più che doppie rispetto alle comuni zappe, compresa quella cegliese. Adatta per terreni non pietrosi, ha capacità di penetrazione nel terreno, con colpi ben assestati, di oltre 25 centimetri. Nella "scatena" si possono raggiungere fino a 50 centimetri e oltre di profondità.  Fino agli anni '50 veniva usata, tutti i giorni, dall'alba al tramonto. e ne traeva molto vantaggio la schiena.  Se casualmente si colpisce una pietra nascosta sotto un piccolo strato di terra, ti trasmette delle indimenticabili vibrazioni per tutto il corpo (nella foto in basso potete notarne le conseguenze sull'attrezzo).  Chi la usa regolarmente tiene le soddisfazione che ne ricava per sé e non le rivela ai giornali.



Indovinello cegliese sulla zappa:
Chjù a juse e chjù lusce (Più la usi e più luccica)

6 commenti:

  1. dare "ispirazioni" del genere mi esalta ;o)

    RispondiElimina

  2. (...) quell'emerito grand'uomo che onora i suoi otto ettari di ex bosco o ex campagna cegliese non si vergogna di parlare di zappa? ...una bella zappa, ma martinese non cegliese gliela darei in mano stando a sorvegliarlo che mi faccia "nu scanniedd' san' prima ca cal' u' sol' di Sandamarie"...

    RispondiElimina
  3. Beh, aiutiamolo almeno un pò! Fra poco comincia a piovere ed avrà bisogno di questo attrezzo!

    RispondiElimina
  4. ceglieterrestre12 agosto 2008 08:04

    Ho controllato er damerino, porta certe cioce colorate ai piedi, che fanno invidia ar surtano...

    RispondiElimina
  5. Sabato 16 agosto dalle ore 15:00 alle ore 19:00, una troupe di Rai 1, accompagnata dal notissimo esperto Gianfranco Vissani, sarà a Ceglie Messapica, in Piazza Plebiscito, per la realizzazione di una trasmissione riguardante la gastronomia.


    RispondiElimina
  6. buon ferragosto!

    Giacomo

    RispondiElimina