martedì 10 febbraio 2009

Ritornando su Madonna della Grotta


Tempo addietro, in un post, dichiarai che non avrei più parlato di alcuni argomenti, tra cui Madonna della Grotta, deluso dalle tante speculazioni di basso profilo  o di bottega che si fanno quando si parla del nostro patrimonio artistico e culturale.
Ritengo, nonostante tutto, che valga la pena ritornare a parlarne perché, se è vero che "gutta cavat lapidem", qualche risultato si riuscirà ad ottenerlo.
Come augurio pubblico un mio tentativo (senza presunzione) di restauro virtuale della bellissima immagine bizantina del Bambino che si trova nella parte ipogea della chiesa di Madonna della Grotta.


prima


dopo

Salviamo Italia
redazione di Ceglie Messapica

6 commenti:

  1. un modo molto "concreto" per sottolineare quello che potrebbe essere e non è, bravo Pino!

    RispondiElimina
  2. Grazie Pino,

    spero che un giorno si possa davvero restaurare l'immagine sacra preziosa.

    Buona giornata

    dg

    RispondiElimina
  3. Caro Gisan, persone come te, della tua esperienza, non possono tirarsi indietro in un argomento come quello della Madonna della Grotta.


    Capisco il disagio di fronte alle urla ed alle speculazioni che ci sono state sulla questione ma, lo spazio che persone come te lasciano libero, il più delle volte è occupato da incompetenti che strumentalizzano ogni cosa pur di parlar male dell'avversario di turno.


    Su queste questioni ognuno hai il diritto di intervenire. Le persone competenti hanno anche il dovere di farlo!!!

    RispondiElimina
  4. Il blog che vanta numerosi tentativi d'intimidazione

    [..] Ci risiamo! Quello che èaccaduto ieri potete leggerlo un po' più sotto. Ora comincio a crederci per davvero! E vuoi vedere che i blog hanno la capacità di influenzare le scelte locali? Chi mi ha spedito il messaggio intimidatori [..]

    RispondiElimina
  5. ceglieterrestre13 febbraio 2009 15:42

    Questo è il principio di un miracolo bravo Pino

    RispondiElimina
  6. Spesso i miracoli li realizziamo noi con la buona volontà e la costanza.

    RispondiElimina