martedì 22 maggio 2007

Un gradito ritorno


      


...Rita canta anzitutto per noi perché è madre mediterranea e come questa materna terra del Sud in cui anche pietra e roccia si fanno materia feconda, come questi lidi meridionali che il sole ama e predilige, è nel suo profondo dea-madre, e la sua voce vibrante e dolente si dispiega per trarci lontano dall'errore e dalla sofferenza, a mostrarci la strada...

Lucio C. Giummo

8 commenti:

  1. Ringrazio Rita per il dono del suo straordinario libro.

    RispondiElimina
  2. belle queste immagini, assomigliano a una foto che ho rubato a Franco

    RispondiElimina
  3. lestradelcuore23 maggio 2007 03:41

    Sono prima e quarta di copertina dell'ultima creatura poetica della nostra grande Rita Santoro Mastantuono. Nonostante la sua cecità continua a produrre vera poesia, aiutata, nella trascrizione, dalla figlia Anna Maria. Grazie Pino per il post. Era un atto dovuto. Se "Ceglie Plurale" non mi passa la scheda che ho mandato a Michele, proveremo a postarla nei nostri blog. Se sei d'accordo. Lestradelcuore.

    RispondiElimina
  4. SERALE


    Il grande esilio del silenzio

    In un guscio di noce

    Sulla pietraia infuocata.

    Celere il viaggio delle nuvole

    All’instabile aggrovigliarsi del vento

    Tra le cime irsute dei pini

    Là sulla collina.


    Un mormorio di frassini

    Mozza giocoso

    Spilli d’inquietudine

    Mentre la sera arroventa

    Balze di orizzonti

    Collimanti con gli ultimi oliveti.

    La vecchia casa

    Ha il calore di letto già disfatto

    Di mani calde

    Che cercano il tuo grembo

    E dondolio di culla

    Tremore di persiane alle finestre.

    D’irresistibili richiami

    Il flusso magico del giorno che si estingue

    Ti spinge a ricercare qualcosa

    Nell’archivio silente della sera.

    La penna non osa adagiarsi alla quiete.

    Ed in parole limate

    Specchio di luce

    Sillabe d’anima

    Confonde

    Nel tuo sentire.

    Un personale omaggio a Rita Mastantuono.

    Ciao, beppe

    RispondiElimina
  5. lestradelcuore24 maggio 2007 08:32

    Alta poesia. Arriva immediatamente al cuore. Speriamo che arrivi anche agli occhi di Rita. Bravo desiderio947. Aspettiamo una tua pubblicazione, magari dedicata alla nostra terra.

    RispondiElimina
  6. Per Rita c'è sempre un posto donore nei nostri blog, caro Damiano.

    Ciao Beppe e complimenti per la bellissima poesia che Rita apprezzerà sicuramente.

    RispondiElimina
  7. ceglieterrestre26 maggio 2007 23:44

    Buon giorno Pino, sarei felicissima di incontrare questa poetessa speciale.

    Saluti cari anche alla Fata Mina

    RispondiElimina
  8. Buongiorno Franca, se sarai a Ceglie quando andremo atrovarla farò in modo di fartela conoscere. Ciao e a presto.

    RispondiElimina