giovedì 31 maggio 2007

Sapienza contadina












Vincent Van Gogh "Campo di grano con corvi"



C'era un massaio che aveva un figlio, il quale studiava in seminario per diventare sacerdote. Quel figlio si trovava un giorno in campagna e, osservando i vedeggianti campi di grano, espresse al padre il suo compiacimento per il buon raccolto che si delineava e che quelle ampie distese di messi promettevano.
Il padre diede al figlio una risposta molto stringata e raggelò il suo entusiasmo.
- Figlio mio, egli disse, questo non è grano, questa è erba.
Arrivò l'estate e le messi biondeggiavano con le spighe cariche di semi. Il nostro studente fece notare al padre che finalmente si poteva godere per la quantità di grano che quelle spighe rigonfie chiaramente facevano intravedere.
Ancora una volta il saggio genitore sconcertò l'inesperto figlio studente esprimendo il suo autorevole parere.
- Figlio mio, egli disse, questo non è grano, questa è paglia.
Arrivò il giorno della mietitura e poi della trebbiatura. Un gran numero di sacchi furono riempiti di grano e trasportati nel granaio di casa. Presente a quella operazione il nostro studente chiese al padre se finalmente si poteva godere per la grande quantità di grano che si era portato a casa.
-Figlio mio, rispose il padre, certamente possiamo godere perchè quello che abbiamo portato a casa è grano, ma solo ora è grano.

Dal volume  "Piccole storie" di Domenico Caliandro


Con Madonna della grotta siamo arrivati alla paglia. Continuiamo ad impegnarci con le firme per farla diventare grano.



"MADONNA DELLA GROTTA E' NOSTRA"


Scaricare il formato PDF da stampare ed inviare a mezzo fax al numero: 0831 393113




8 commenti:

  1. bell'apologo!


    Domenico Caliandro dovrebbe essere un sacerdote, vero?

    RispondiElimina
  2. Domenico Caliandro è nato a Ceglie Messapica (Brindisi) nel 1929. Si è laureato in Pedagogia presso l'Università di Bari ed ha frequentato un corso triennale di Teologia. E' stato docente nella Scuola Elementare di Ceglie. Classificato con "ottimo" dal ministero della Pubblica istruzione per la conduzione dei corsi di orientamento musicale, ha valorizzato con impegno l'educazione musicale.

    Per decenni è stato un dei Maestri della scuola cegliese, punto di riferimento per intere generazioni che da lui hanno attinto conoscenza e valori. Stretto il suo rapporto con il mondo della Chiesa e in modo particolare con l'attività della parrocchia di San Rocco. Per volere di don Oronzo Elia negli anni '60 fu chiamato ad organizzare le Acli.


    Lasciata la scuola ha affidato alla sua penna (meglio sarebbe dire, alla tastiera del suo computer) la trilogia di memorie, riflessioni e proposizioni: "Orme di vita" (marzo 1998), "Una voce" (giugno 1999) e "Piccole storie" (ottobre 2002).


    Biografia tratta da: http://www.ideanews.it/antologia/indice.htm

    RispondiElimina
  3. allora ricordavo un omonimo, grazie Pino!

    RispondiElimina
  4. ceglieterrestre1 giugno 2007 12:15

    un saluto a tutti ciao

    RispondiElimina


  5. Trovo pertinente l'osservazione di smemorato circa un Domenico Caliandro sacerdote, anzi Vescovo di Ugento, in provincia di Lecce, sono stato suo compagno di classe in prima media insieme al dott. Enrico Turrisi. Certo che il cognome Caliandro è molto diffuso a Ceglie e chissà quanti Domenico ci saranno con lo stesso cognome. Lieto di aver conosciuto un ex maestro delle elementari, anch'egli con la passione della poesia e della letteratura, con un apologo semplice nella dinamica esplicativa, ma molto intenso che sottende l'ansia del padre contadino di non vedersi rovinato il raccolto da impreviste e funeste intemperie.

    Ti ho ripostato il quadro di Van Gogh, visto che al suo posto c'è una x, se credi lo puoi riprendere x rimettere a posto il tuo pezzo.

    ciao, beppe

    RispondiElimina
  6. non sono certo si tratti della stessa persona ma un prete Domenico Caliandro (allora novizio) posteggiava lo sciarabal' in una rimessa di fronte alla mia casa di Ceglie dove ho trascorso l'infanzia

    RispondiElimina
  7. lestradelcuore7 giugno 2007 09:28

    Giacomo, il Domenico Caliandro che ricordi tu ora è vescovo. Non mi sovviene in questo momento quale Curia regge. La precedente è stata quella di Santa Maria di Leuca. Io l'ho avuto come assistente nel seminario di Campomarino (TA), diocesi di Oria, nel 1968.

    RispondiElimina
  8. ciao io sono della Diocesi di Gallipoli dove appunto Mons.Caliandro ha la Sua Cattedra Episcopale.

    RispondiElimina