sabato 12 marzo 2011

Primavera con mestizia


I segni della primavera ormai imminente prendono il sopravvento e nascondono sotto un manto multicolore i tanti interrogativi sulle ferite inferte  alla natura dalle scorie inquinanti dell'incendio alla TAF.
I cegliesi  attendono ancora informazioni precise sui danni all'ambiente, ma l'unico resoconto da parte dell'ARPA è stato sull'aria. Era prevedibile che non ci fossero problemi sull'aria in quanto la pioggia scrosciata a dirotto durante l'incendio aveva fatto precipitare al suolo le polveri.  Il problema si è trasferito al suolo. L'eventuale diossina sprigionata dal fuoco finisce nella catena alimentare e si lega al grasso animale e il consumo di carne locale può essere pericolosa per l'uomo.  È insufficiente quindi lavare accuratamente le verdure e gli ortaggi, poiché il pericolo inevitabile viene dal consumo di carne. Per quanto riguarda il piombo ed altri metalli, esistenti nella composizione delle gomme, dannosi per la salute, poiché si accumulano nel fegato, nulla è stato riferito ai cegliesi.
Qual'è il livello di inquinamento e cosa rischiano realmente i cegliesi?
 



Sapere è un diritto ed informare è un dovere!!!
 

1 commento:

  1. ceglieterrestre15 marzo 2011 06:44

    Caro Pino non sapremo mai la verità. Aho!  sto trullo me ricorda quarche cosa. Un caro saluto

    RispondiElimina