venerdì 18 novembre 2011

A loro il profitto, a noi i tumori

"A Cerano dispersione di polveri"


BRINDISI – Con il deposito della consulenza tecnica di Claudio Minoia, il perito del pool ambiente della procura di Brindisi, che segue quello della relazione della polizia giudiziaria, in questo caso la Digos della questura brindisina, si può considerare conclusa la fase delle indagini sulla dispersione delle polveri di carbone nell’area circostante la centrale termoelettrica Enel “Federico II” di Cerano”. E l’esito è netto: anche se non in maniera continuativa, ma piuttosto in concomitanza con fenomeni eolici, nei sette giorni di campionamenti effettuati nell’autunno del 2009 in nove punti corrispondenti ad altrettante abitazioni e pertinenze di cittadini, otto dei quali autori di un esposto mentre il nono era il titolare di un sito assunto come punto di misurazione di valori di fondo, si sono palesate “dispersioni significative di polveri di carbone dal deposito carbonile”. continua a leggere





La centrale di Cerano col carbonile scoperto

1 commento:

  1. ceglieterrestre28 novembre 2011 11:27

    Ma che scrivi Pino è solo polvere di stelle e cipria per le donne. A sti ladroni che je frega se ce vie' er cancro.

    RispondiElimina